Ecco un bell’esempio di comunicazione sociale simpatica e di effetto (scovata grazie all’ottimo blog “Comunicazione Sociale“, che si occupa appunto di raccogliere molte delle “pubblicità progresso” di tutto il mondo).

Siccome sono un amante della lettura (e della Nuova Zelanda..) non poteva non segnalare questa campagna che è stata trasmessa dal Book Council NeoZelandese all’interno dei cinema alla fine delle proiezioni

Per chi ha la connessione troppo lenta e non riesce a vedere il video oppure per chi non sa l’inglese, in pratica dopo tutti i titoli di coda, dopo un po di nero escono le seguenti scritte:

Ancora qui?
Caspita!
Allora ti deve davvero piacer leggere.
Vai a casa
e leggiti un libro..

Spulciando nel mio pc ho trovato un vecchio post di un blog che avevo alcuni anni fa. Si tratta di un report scritto al termine dell’inverno australe 2003 (si riferisce quindi all’estate 2003) al termine della mia stagione passata là a snowbordare e a sostenere l’esame di istruttore (che qui in italia non è riconosciuto, ma di questo parlerò poi…).

Non è quindi recente ma penso che possa essere comunque un buon riferimento per tutti coloro che sognano la Nuova Zelanda e hanno intenzione di andar fino a la per sciare o snowbordare. E visto che l’estate si avvicina magari siamo proprio nel periodo giusto per organizzare un bel trip dall’altro capo del mondo.

*****************
Quante volte durante una soffocante notte d’agosto passata sfogliando qualche vecchia rivista di sno’ o appiccicati al computer alla ricerca di qualche news dai ghiacciai avete pensato nostalgici all’inverno? Ebbene, mentre la neve ricomincia a fioccare e la speranza di qualche giorno sulla neve si fa sempre piu vivida, io ho appena messo la mia tavola a riposare dopo quasi 90 giorni passati sulle Alpi Neozelandesi!! E mentre sono qui io a languire vedendo la neve sciogliersi ho tutto il tempo di raccontarvi cosa significa vivere il sogno dell’inverno australe.

La Nuova Zelanda ha delle montagne spettacolari chiamate Alpi Del Sud con picchi fino a 3700m (Aoraki/Mt Cook) e una neve che a volte e’ cosi farinosa da dare un senso al termine powder. In quanto poco abitata (solo 4 milioni di abitanti x un’estensione pari all’ Italia) potete immaginare che queste montagne sono un paradiso in termine di Wilderness e quasi totale assenza di code agli impianti. Read the rest of this entry »