Maus – Art Spiegelman

luglio 26, 2008

MAUS – Art Spiegelman
€ 14,50 pg 300
Einaudi 2000

Maus: in tedesco topo;
Raus!: in tedesco “Fuori!” era il comando rivolto ai deportati usato dai Kapò e dalle SS.

E’ da questo gioco di parole che nasce il titolo di questo splendido fumetto di Art Spiegelman che narra la vita del padre sopravvissuto all’Olocausto passando per Auschwitz e Dachau.
La particolarità dell’opera è che tutti i personaggi vengono rappresentati da animali: i tedeschi sono gatti, i gatti rane, i polacchi sono maiali e, ovviamente, gli ebrei sono topi.

L’idea di associare gli ebrei a topi, o ratti, non è affatto di Spiegelman ma risale proprio ai nazisti che li consideravano esseri spregevoli, che infestavano la loro società e che per questo erano da annientare. Questo è un estratto di un articolo di giornale della Pomerania in Germania a metà degli anni Trenta, proprio durante l’ascesa della follia di Hitler, che viene riportato all’inizio della seconda parte di Maus:

“Mickey Mouse è il più miserevole ideale mai esistito… I sentimenti salutari dicono ad ogni giovane indipendente e a ogni persona dignitosa che il parassita sporco e immondo, il peggiore portatore di malattie del regno animale, non può essere il tipo ideale di animale… Basta con la brutalizzazione giudaica della gente! Abbasso Mickey Mouse! Indossate la svastica!” Read the rest of this entry »

Il piccolo principe in noi

ottobre 22, 2007

piccoloprincipeinnoi_coverIl piccolo principe in noi – Un viaggio di ricerca con Saint Exupery
Mathias Jung
Edizioni Magi 2002
100 pg  €10

A distanza di 64 anni la “favola” del piccolo principe continua ancora a essere venduta e letta da milioni di persone in tutto il mondo. In questo libro il filosofo e teraupeuta tedesco Mathias Jung ripercorre tutte le tappe del viaggio del piccolo principe analizzando da un punto di vista filosofico e psicologico i personaggi che incontra durante il suo cammino.

Dopo il primo capitolo introduttivo in cui riprende la biografia del poeta aviatore, ufficiale dell’aviazione in riserva, esiliato in america e morto durante durante una ricognizione poco prima della fine della guerra, per coglierne gli aspetti che hanno influenzato e inspirato molti passi della favola, l’autore dedica ogni capitolo di questo libro ad ogni personaggio del “Piccolo Principe”.

Non si tratta di una sterile rilettura, in molti punti si avvale del testo originale ma solo per riprendere alcune frasi salienti del principino o del suo interlocutore a dimostrazione delle sue tesi.
Citando Nietzsche, Kant, Herman Hesse, Fromm e molti altri scrittori, filosofi, poeti e teologi capiamo quale sia il valore propulsivo della Crisi interiore, quanto la nostra società, sia soggiogati dal consumismo, dall’ossessione del potere e dall’esigenza di apparire, dominati dalle varie dipendenze (dal lavoro, dal gioco d’azzardo, dal cibo, dalla droga e dall’alcool) e dalle nostre ossessioni e paure, in primis quella della morte e quella di sprecare il nostro tempo. Capiamo quanto la amicizia sia un lento processo di costruzione della fiducia,(cio che nel Piccolo Principe viene chiamato Addomesticamento) e quando l’amore costi fatica, sforzi e necessiti una costante “manutenzione”.

Il racconto del Piccolo Principe è insuperabile per semplicità di scrittura e allo stesso tempo per la complessità dei messaggi che ci trasmette. E’ un libro splendido che va dritto al cuore di ogni adulto e di ogni bambino.  L’analisi di Mathias Jung, se da un lato, ritengo, ne svilisce un po la poesia, (come quando a scuola facendo la parafrasi delle poesie si otteneva un messaggio più chiaro ma meno intenso e affascinante), dall’altro permette di andare molto più in profondità nella lettura dei personaggi, degli stati d’animo, di trovare delle affinità in noi stessi, nei nostri comportamenti, e nelle patologie della nostra società.
E ci lascia con numerosi spunti, filosofici e letterari, con in quali continuare la nostra riflessione al fine di riscoprire la lentezza, affrontare le nostre paure e ritrovare il bambino interiore che è in noi, in grado di sprecare beatamente il suo tempo per gustare il mondo che lo circonda, affascinarsi e vivere le relazioni con innocenza e sincerità e cogliere l’essenziale, che come tutti ormai sappiamo grazie a questa splendida favola, è invisibile agli occhi.