La felicità domestica – Lev Tolstoj
€ 8,40 Pg 103
Oscar Classici Mondadori 2008

Qualche settimana fa ho avuto modo di vedere “Into the wild” di Sean Penn, uno splendido film che narra la storia (vera) di un moderno e sfortunato Thoreau che decide di abbandonare famiglia e società civile per viaggiare per l’america e avventurarsi in Alaska.

Dopo la visione del film ho cercato in diverse librerie il libro di John Krakauer “Nelle terre estreme” da cui il film è tratto. Il libro è uscito nel 1997 edito dalla Rizzoli e successivamente è stato ristampato in edizione superpocket al prezzo di 7.900 lire. Ovviamente con l’uscita del film nel 2008 delle vecchie edizioni non c’è più traccia e l’unica versione è quella appunto legata al film edita da Corbaccio con copertina rigida e al costo di 16,60€…
Ho deciso quindi di passare ad un altro libro che viene citato nelle riflessioni del protagonista: “La felicità familiare” di Lev Tolstoj.
“Ho vissuto molto e mi sembra di aver trovato quel che occorre per la felicità. Una vita quieta, appartata, nel nostro angolo in campagna, (…), il lavoro, il riposo, la natura, i libri, la musica e l’amore per il prossimo. (…). E al culmine di tutto ciò un’amica come voi, forse una famiglia (…)”.

Questa la frase citata nel film che non poteva che colpirmi e attirarmi a leggerne il libro. Di Tolstoj però non conoscevo nulla, se non i titoli delle sue mastodontiche opere quindi ho cercato un po in internet e sono rimasto stupito nello scoprire un autore completamente diverso da come me lo immaginavo. La sua crisi spirituale e lo studio dei testi sacri, le critiche all’ipocrisia della Chiesa e alle ingiustizie perpetrate dai governanti, l’abolizione della proprietà privata e le influenze della disobbedienza civile di Thoreau, le sue riflessioni sul vegetarianismo e la corrispondenza con GandhiRead the rest of this entry »

Annunci