Henry Drummond Il dono supremo – Paulo Coelho

maggio 1, 2008

Henry Drummond Il dono supremo – Paulo Coelho
asSaggi Bompiani 2007
Pg 103 € 10,00

Henry Drummond è stato un pastore protestante scozzese vissuto nella seconda metà dell’800. Uno dei suoi contributi più importanti di predicatore è l’opera “La cosa migliore del mondo” pubblicato nel 1890. Questo libro non è altro che unaa trasposizione/riflessione della prima lettera ai Corinzi di San Paolo nella quale il tredicesimo apostolo definisce l’Amore come il bene supremo, l’obiettivo ultimo e la virtù più elevata, ancora più importante della Fede e della Speranza. Inevitabile quindi che un libricino scritto da Coelho, basandosi sugli scritti di un predicatore protestante che a sua volta ha interpretato un testo sacro non possieda dei connotati religiosi ancor più marcati di quanto gia abitualmente usati da questo autore brasiliano.

Dobbiamo impiegare i nostri giorni nel modo migliore, giacchè nessun altro può vivere per noi. Ecco perchè abbiamo bisogno di sapere qual’è l’obiettivo supremo da raggiungere. E il nostro obiettivo nel mondo è questo: apprendere ad amare. Dobbiamo migliorarci giorno per giorno con preparazione e diligenza ed impegnarci a vivere una vita piena e corretta. E’ meglio non vivere piuttosto che non amare.

Ho ripreso queste poche frasi perchè sono quelle che più di tutte racchiudono il senso di questo libricino di Coelho. E sono quelle che meno risultano vincolate ad aspetti religiosi bensì possono, e dovrebbero, riguardare ogni uomo sulla terra indipendentemente da reddito, razza o religione. Di Coelho ho letto “Veronika decide di morire”, “L’Alchimista”, “Il Cammino di Santiago” e “Il manuale del guerriero della Luce”, e in tutti ho trovato irritante il suo linguaggio “popolare” e sdolcinatamente positivo, e questo libricino non è da meno. Anzi in questo ho trovato particolarmente insopportabile l’esagerata dimensione del testo che sommata al fatto che molte pagine contenevano anche una sola frase riduce le pagine di lettura effettiva a meno di una cinquantina.
Ma come la maggior parte dei suoi libri, anche questo consente letture a diversi livelli. Può essere sfogliato in modo superficiale in meno di un paio d’ore, può essere letto più volte per memorizzare i numerosi aforismi “spirituali/new age” che contiene, può essere adottato come bibbia triviale o può essere letto in modo approfondito ma prendendone il messaggio “con le pinze”. In fin dei conti è proprio quest’ultimo aspetto che mi è sempre piaciuto dei libri di Coehlo, nonostante tutto, la possibilità per ognuno di noi di trarre dalle sue parole un senso speciale che si possa inserire nella propria storia e cultura personale. La possibilità, per me di depurarlo di ogni riferimento new age, dogmatico o ultraterreno, ed applicare il suo messaggio in un ottica di miglioramento etico nella vita di tutti i giorni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: