Elogio della disciplina – Bernhard Bueb

gennaio 2, 2008

elogio della disciplina coverElogio della disciplina Bernhard Bueb
pg 155 € 12.50
Rizzoli 2007

Il filosofo tedesco Bernhrd Bueb, classe 1938, è stato per trent’anni il rettore del prestigioso collegio privato di Salem; in questo suo provocatorio libro si prefigge di riportare la disciplina al centro della pratica pedagogica.

E’ un libro provocatorio, su ammissione dello stesso autore, perchè, dal titolo fino alla quarta di copertina sembra richiamare nella mente del lettore cupe immagini di austerità, sottomissione, castighi e severità. E in effetti quando ho preso in mano il libro e ho letto come titoli dei capitoli:”Potere assoluto ai genitori”, “La disciplina come terapia” e “Per educare con giustizia bisogna essere disposti a punire” e ho pensato ad un tedesco come capo di un collegio qualche brivido mi è venuto…
In realtà è un libro molto interessante ed equilibrato. Non c’è spazio per punizioni corporali ed umiliazioni e non si schiera a favore della rigida disciplina di una educazione ferrea e distaccata. Semplicemente mette in guardia dalla mancanza di moderazione in pedagogia (e nella vita in genere). Ricerca l’equilibrio tra la disciplina distorta da accademia militare e il lassismo antiautoritario sessantottino.

Partendo dalla considerazione che al giorno d’oggi i giovani non vengono più allegati ma lasciati crescere riflette sul ruolo dell’educatore come vasaio e dell’educatore come giardiniere: il primo da forma al giovane, il secondo fa si che il giovane trovi le condizioni ideali per la sua crescita. Una giusta via di mezzo fra i due ruoli permette di esercitare correttamente il ruolo di guida, favorendo l’indipendenza e la libertà ma allo stesso tempo lasciando spazio all’assimiliazione delle regole e dell’autodisciplina.

Il suo elogio per la disciplina è un modo per ridare dignità a questa parola che è diventata quasi un taboo, in quanto simbolo nel nostro immaginario dell’educazione autoritaria. In realtà significa applicare ogni giorno con fermezza le norme che sono state fissate dall’educatore. Non rigidi schematismi ma perseveranza flessibile, tempo da dedicare all’educazione ed umorismo per addolcire il rigore della coerenza.

Ecco allora che come il marinaio si sposta a destra quando la barca pende a sinistra e viceversa, l’educatore (insegnante o genitore) deve saper gestire con prontezza ogni situazione con l’adeguata dose di giustizia, bontà, disciplina e amore, controllo e fiducia, perseveranza e sollecitudine.

Ecco allora che il potere esercitato in modo legittimo non incuta più paura ma instauri fiducia, che l’autorità si riveli indispensabile in quanto guida e sostegno e in quanto necessaria antagonista per lo sviluppo dell’autonomia, che la certezza (e la giustizia) delle punizioni sia in grado di liberare i bambini dall’angoscia.

Il libro va quindi avanti di capitolo in capitolo fornendo esempi dall’esperienza dell’autore, sue riflessioni e citazioni storiche e di eminenti studiosi di pedagogia, e se non tutte le sue proposte sono condivisibili, in molti punti le sue tesi sono assolutamente valide.

Come in tutte le cose il segreto è l’equilibrio, la moderazione, il giusto mezzo. Se la ragionevolezza prende il posto alla razionalità e l’autorevolezza all’autorità ecco che anche la disciplina diventa necessaria ed indispensabile allo sviluppo dell’autonomia e del senso di libertà e non puro strumento di sottomissione.

Ecco quindi che al pensiero di Immanuel Kant riguardo alla pedagogia: “Uno dei più gravi problemi dell’educazione è quello di conciliare tra la sottomissione a un obbligo legittimo e la capacità di fare uso della propria libertà. Ma in che modo si potrà coltivare la libertà per mezzo della costrizione? ” l’autore trova la risposta in Friedrich Froebel: “L’educazione non è altro che amore ed esempio“.

Annunci

2 Risposte to “Elogio della disciplina – Bernhard Bueb”

  1. Anonimo Says:

    bella ziiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiioooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

  2. Giuseppe Dalzini Says:

    Ringrazio l’autore per la spinta riflessiva ricevuta leggendo il libro, che mi ha sicuramente stimolato ed aiutato ad accrescere una consapevolezza educativa nei riguardi dei miei figli.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: