Eduardo Galeano – A testa in giù

novembre 7, 2007

a testa in giù - coverEduardo Galeano
A testa in giù – La scuola del mondo alla rovescia
Sperling & Kupfer 1999
€ 14.50 Pg 356

Ho acquistato questo libro di Eduardo Galeano perchè mi aveva colpito una sua citazione in un libro letto qualche mese fa (Una nuova narrazione del Mondo di Riccardo Petrella) e poi perchè curiosando in internet ero finito su un estratto di “Il pianeta dei paradossi” in cui con molto umorisimo e una punta di amarezza questo giornalista -scrittore Uruguayano, vissuto in esilio in Argentina e in Spagna dal 1973 al 198, elenca alcune notizie/fatti assurdi che caratterizzano la nostra era della “ragione”.

Il libro è scritto come se fosse un vero e proprio manuale, con i capitoli strutturati in lezioni, schede di approfondimento e tante illustrazioni dell’artista messicano Josè Guadalupe Posada. Il “piano di studi” di Galeano include I modelli del successo, Il corso elementare di disuguaglianza, L’insegnamento della paura, L’amnesia obbligatoria, Il come elaborare nemici su misura, il diritto al deliro, e tanto altro ancora.

L’autore mette a nudo con la sua prosa dissacrante tutte le contraddizioni e i paradossi del mondo moderno e con un enorme mole di citazioni e di dati scardina tutte le convinzioni che hanno messo radici nelle nostre menti di cittadini del Nord del Mondo attraverso secoli e secoli di Storia. Storia che non è altro che una sorta di amnesia obbligatoria perpetrata dai vincitori.

L’ironia e il senso dell’umorismo presenti, risollevano il morale del lettore, in un libro altrimenti insostenibile vista la mole di informazioni fornite, la serietà e gravità dei temi trattati e tutte le contraddizioni svelate nel nostra società che farebbero impallidire ogni essere dotato di intelletto (e di memoria) e invece da secoli vengono spacciate come realtà immutabili.

Il libro non da tregua, nulla si salva nella rappresentazione provocatoria del mondo che ci rende Galeano, e alla fine rimane tanta incredulità e molto sconforto per questo sleale attentato al buon senso che il mondo alla rovescia compie ogni giorno.
Fortunatamente non è un libro cinico e sterile ma si chiude con un grido di speranza, un richiamo al diritto di sognare, un invito a camminare verso gli orizzonti dell’utopia e a immaginare un mondo in cui non si sia costretti a scegliere fra il sacrificio della giustizia sull’altare della libertà (leggi capitalismo) e il sacrificio della libertà in nome dell’uguaglianza (leggi comunismo).

Per concludere va tenuto in considerazione che la prima edizione di questo libro risale al 1998 e perciò, ovviamente, non ci sono riferimenti all’11 settembre, al terrorismo, alla guerra preventiva, a Bush Junior e al fondamentalismo islamico. Alcuni esempi e molte supposizioni e previsioni sul “come andremo a finire” sembrano quindi persino ingenue e fanno sorridere alla luce dei recenti sviluppi del mondo alla rovescia, per i cui paradossi probabilmente si renderebbe necessario un intero altro libro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: